TRANSIZIONE 4.0 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI MATERIALI E IMMATERIALI TRADIZIONALMENTE NUOVI, STRUMENTALI ALL’ESERCIZIO DELL’IMPRESA

Ministero dello Sviluppo Economico 2022

TRANSIZIONE 4.0 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI MATERIALI E IMMATERIALI TRADIZIONALMENTE NUOVI, STRUMENTALI ALL’ESERCIZIO DELL’IMPRESA

soggetti beneficiari
Tutte le imprese residenti in Italia, per strutture ubicate nel territorio italiano, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza e dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito d’impresa.
Possono partecipare anche gli esercenti arti e professioni.
Non possono partecipare le imprese in stato di crisi e destinatarie di sanzioni interdittive.
La fruizione del beneficio è condizionata al rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro applicabili in ciascun settore e al corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

spese ammissibili

  • investimenti in beni strumentali materiali (diversi dai beni materiali connessi all’I4.0)
  • investimenti in beni strumentali immateriali (diversi dai beni immateriali connessi all’I4.0)

agevolazione
Il credito si basa sul volume delle spese ammissibili dichiarate.

investimento effettuato dal 16/10/2020 al 31/12/2021 (o 30/06/2022 se entro il 31/12/2021 l’ordine del bene risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione):
il credito d’imposta è pari al 10% del costo sostenuto

è elevato al 15% per investimenti in strumenti e dispositivi tecnologici destinati al lavoro agile

investimento effettuato dal 01/01/2022 al 31/12/2022 (o 30/06/2023 se entro il 31/12/2022 l’ordine del bene risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione):
il credito d’imposta è pari al 6% del costo sostenuto

Per i beni mobili, l’importo massimo dei costi ammissibili è di 2 milioni di euro.
Per i beni immobili, l’importo massimo dei costi ammissibili è di 1 milione di euro.

Il credito d’imposta è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi fino al 100% del costo sostenuto.

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione in F24, con 3 quote annuali di pari importo, a decorrere dall’entrata in funzione dei beni.

HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL BANDO?
COMPILA IL FORM E TI CONTATTEREMO AL PIÚ PRESTO.

TRANSIZIONE 4.0 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI MATERIALI E IMMATERIALI TRADIZIONALMENTE NUOVI, STRUMENTALI ALL’ESERCIZIO DELL’IMPRESA
Torna su