TRANSIZIONE 4.0 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN FORMAZIONE 4.0

Ministero dello Sviluppo Economico
2022/2031

TRANSIZIONE 4.0 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN FORMAZIONE 4.0

La misura è volta a sostenere le imprese nel processo di trasformazione tecnologica e digitale creando o consolidando le competenze nelle tecnologie abilitanti necessarie a realizzare il paradigma 4.0.

soggetti beneficiari
Tutte le imprese residenti in Italia, per strutture ubicate nel territorio italiano, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza e dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito d’impresa.
Non possono partecipare le imprese in stato di crisi e destinatarie di sanzioni interdittive.
La fruzione del beneficio è condizionata al rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro applicabili in ciascun settore e al corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

attività formative
Le attività formative dovranno riguardare le seguenti materie:

  • big data e analisi dei dati
  • fog e quantum computing
  • cyber security
  • simulazione e sistemi cyber fisici
  • prototipazione rapida
  • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata
  • robotica avanzata e collaborativa
  • interfaccia uomo-macchina
  • manifattura additiva (o stampa tridimensionale)
  • internet delle cose e delle macchine
  • integrazione digitale dei processi aziendali

spese ammissibili
Sono ammissibili al credito d’imposta le seguenti spese:

  • spese di personale relative ai fornitori per le ore di partecipazione alla formazione
  • costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione, direttamente connessi al progetto di formazione (spese di viaggio, materiali e forniture con attinenza diretta al progetto, ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione)
  • costi per servizi di consulenza connessi al progetto di formazione
  • spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e spese generali dirette (spese di amministrazione, locazioni,spese generali) per le ore durante le quali i partecipanti hanno seguito la formazione

Sono ammissibili anche le eventuali spese relative al personale dipendente in veste di docente/tutor.

soggetti erogatori della formazione
Il personale dipendente, oppure nel caso in cui le attività di formazione siano erogati da soggetti esterni all’impresa, si considerano solo le attività commissionate a:

  1. soggetti accreditati per lo svolgimento di attività di formazione finanziata presso la Regione/Provincia Autonoma in cui l’impresa ha sede legale e/o operativa
  2. Università, pubbliche e private, o strutture ad esse collegate
  3. soggetti accreditati presso i fondi interprofessionali
  4. soggetti in possesso della certificazione di qualità in base alla norma UNI EN ISO 9001:2000 (EA 37)
  5. ITS

agevolazioni
Il credito d’imposta sarà:

  • 70% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di 300.000,00 per le piccole imprese, a condizione che le attività formative siano erogate dai soggetti individuati con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico di prossima emanazione e che i risultati relativi all’acquisizione o al consolidamento delle suddette competenze siano accertate secondo le modalità stabilite con il medesimo decreto ministeriale
  • 50% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di 300.000,00 per le micro imprese, a condizione che le attività formative siano erogate dai soggetti individuati con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico e che i risultati relativi all’acquisizione o al consolidamento delle suddette competenze siano accertate secondo le modalità stabilite con il medesimo decreto ministeriale
  • 30% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di 250.000,00 € per le grandi imprese

Con riferimento ai progetti di formazione avviati successivamente alla data di entrata in vigore del DL n. 50/2022, che non soddisfino le condizioni previste, le misure del credito d’imposta sono rispettivamente diminuite al 40% e al 30%.

La misura del credito d’imposta è aumentato per tutte le imprese, fermo restando i limiti massimi annuali, al 60%, nel caso in cui i destinatari della formazione ammissibile rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati.

Il credito d’imposta è utilizzabile in compensazione in F24, con 3 quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione.

HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL BANDO?
COMPILA IL FORM E TI CONTATTEREMO AL PIÚ PRESTO.

TRANSIZIONE 4.0 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN FORMAZIONE 4.0
Torna su