BANDO DIGITAL EXPORT 2022 – nuovi mercati per le imprese lombarde

Regione Lombardia e UnionCamere Lombardia 06/07/2022 – 09/09/2022

BANDO DIGITAL EXPORT 2022 – nuovi mercati per le imprese lombarde

In un contesto globale in cui gli strumenti digitali si sono definitivamente affermati come il principale strumento per l’individuazione e l’apertura di nuovi canali commerciali, si rende necessaria una strategia adeguatamente pianificata per garantire la competitività sui mercati esteri delle MPMI, ovvero un affiancamento qualificato per individuare gli interventi mirati da adottare in funzione delle caratteristiche delle singole realtà aziendali.

soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di partecipazione le imprese che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere Micro, Piccola o Media Impresa (MPMI)
  • avere la sede operativa iscritta e attiva al Registro Imprese delle Camere di Commercio della Lombardia
  • non risultare tra le imprese assegnatarie di un contributo dei bandi “E-commerce 2021” (Regione Lombardia e UnionCamere Lombardia) – “E-commerce per i mercati internazionali 2021” (Camera di Commercio di Mantova) – “Connessi 2021/2022” (Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi
  • essere in regola con il pagamento del diritto camerale annuale
  • non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione anche volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente
  • avere legali rappresentanti/amministratori (con o senza poteri di rappresentanza)/soci per i quali non sussistano cause di divieto/decadenza/sospensione previste dal Codice delle leggi antimafia
  • essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori come attestato dal DURC online
  • non avere forniture in essere con la Camera di Commercio di pertinenza
  • non aver ricevuto altri aiuti pubblici per le medesime spese ammissibili del presente Bando

interventi agevolabili e spese ammissibili

  • collaborazione con DEM (Digital Export Manager)

La figura del DEM (società o singolo professionista) dev’essere in grado di supportare l’azienda tramite uno o più ei seguenti interventi: analisi delle potenzialità commerciali dei prodotti/servizi da esportare – accertamento della fattibilità economica delle azioni previste dall’impresa – analisi dei competitor – individuazione dei mercati maggiormente interessanti e della tipologia di strumenti digitali da adottare (sito proprio, marketplace, social e-commerce) – delineamento di una strategia di comunicazione e proposta di soluzioni per la gestione evoluta dei flussi logici

Il DEM individuato deve rientrare obbligatoriamente in almeno una delle seguenti tre categorie:

  1. essere un professionista o un’impresa che ha al suo interno personale che ha partecipato al corso “D-TEM ACADEMY per professionisti” proposto da ICE Agenzia
  2. essere un professionista o un’impresa che ha al suo interno personale associato alle seguenti associazioni di Export Manager: Uniexportmanager o IMIT
  3. essere un professionista o un’impresa che ha al suo interno personale che sia in grado di dimostrare un’esperienza almeno decennale in almeno quattro dei seguenti ambiti:
  4. analisi e ricerche sui mercati esteri effettuate tramite attività di analisi e valutazione delle potenzialità commerciali dell’impresa cliente
  5. individuazione e acquisizione di nuovi clienti per consentire l’accesso o l’espansione della presenza delle imprese nei mercati esteri
  6. assistenza nella contrattualistica per l’internazionalizzazione
  7. supporto ed affiancamento delle imprese per consentire una più ampia presenza dei prodotti nelle piattaforme di e-commerce
  8. utilizzo avanzato degli strumenti di marketing digitale


Le spese ammissibili sono le seguenti: a) consulenza per la verifica e analisi del posizionamento online, studio di mercato e valutazione dei competitor; b)analisi di fattibilità del progetto, con particolare riferimento alle esigenze di adeguamento amministrativo, organizzativo, formativo, logistico, di acquisizione di strumenti e servizi; c) realizzazione di una strategia di comunicazione, informazione e promozione per il canale digitale , con specifico riferimento al portafoglio prodotti, ai mercati di destinazione, domestico e/o internazionale, e ai siti di vendita online prescelti

Le spese devono essere sostenute, quietanzate e rendicontate dal 01/01/2022 al 31/01/2023.

  • realizzazione di un progetto e-commerce

Le aziende possono presentare spese relative all’apertura e/o al consolidamento di un canale commerciale per la vendita dei propri prodotti su almeno un mercato estero da individuare tramite l’accesso a servizi specializzati per la vendita online B2B e/o B2C:

  • forniti da terze parti, che siano retailer, marketplace, servizi di vendita privata e/o social e-commerce a condizione che la transazione commerciale avvenga tra l’azienda e l’acquirente finale
  • realizzati all’interno del portale aziendale proprietario (in tal caso è obbligatorio tradurre il sito e-commerce in almeno una lingua straniera)

Il portale di e-commerce, una volta realizzato, deve perseguire una o più delle seguenti finalità, che si sono verificate in fase di istruttoria di rendicontazione dai soggetti responsabili dal Bando:

  1. utilizzo di un approccio omnicanale per offrire un’esperienza integrata al cliente finale, usando canali di vendita complementari tra loro
  2. adeguamento tecnologico dell’esperienza di vendita per gli Smartphone
  3. l’utilizzo del canale social e-commerce, ovvero prevedere la possibilità di acquisto direttamente sui Social Media

Al termine delle attività previste i progetti dovranno aver dimostrato l’avvio dell’attività di vendita online su almeno un mercato estero salvo che l’impresa sia in grado di dimostrare che la tipologia di prodotti e/o i mercati di riferimento rendano impossibile o non conveniente l’effettuazione delle transazioni commerciali online (in questo ultimo caso, il portale e-commerce dovrà quanto meno permettere la possibilità di richiedere in maniera strutturata un preventivo o un ordine di acquisto, tramite una procedura di configurazione online del prodotto/servizio scelto al termine della quale è possibile visualizzare il costo del bene/servizio).

Le spese ammissibili sono le seguenti: a) accesso ai servizi di vendita online sui canali prescelti (tariffe di registrazione ed eventuali commissioni sulle transazioni effettivamente realizzate, sostenute durante il periodo di validità del progetto); b) progettazione, sviluppo e/o manutenzione di sistemi e-commerce proprietari (siti e/o app mobile), anche per quanto riguarda la sincronizzazione con canali marketplace forniti da soggetti terzi; c) attività di ottimizzazione SEO (miglioramento del posizionamento online); d) servizi di traduzione in lingua estera del portale e-commerce proprietario e/o del portale aziendale

Le spese devono essere sostenute, quietanzate e rendicontate dal 01/01/2022 al 31/01/2023.

caratteristiche dell’agevolazione

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto a parziale copertura delle spese sostenute.

tipologia interventoinvestimento minimoinvestimento massimo agevolabileintensità contributocontributo massimo
DEM (Digital Export Manager)€ 6.000,00€ 6.000,00voucher fisso€ 3.000,00
E-commerce€ 4.000,00€ 12.500,0040% delle spese ammissibili€ 5.000,00
tot.€ 10.000,00€ 18.500,00 € 8.000,00

Entrambe gli interventi sono necessari, non è possibile richiedere solo uno dei due.

presentazione delle domande Le domande di partecipazione devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, dalle ore 11:00 del 06/07/2022 alle ore 12:00 del 09/09/2022, salvo esaurimento anticipato delle risorse.

HAI BISOGNO DI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL BANDO?
COMPILA IL FORM E TI CONTATTEREMO AL PIÚ PRESTO.

BANDO DIGITAL EXPORT 2022 – nuovi mercati per le imprese lombarde
Torna su